Album di figurine, passione di ieri e di oggi

Gli album di figurine hanno un posto speciale nella nostra memoria, si ricollegano all’infanzia di ciascuno di noi e spesso molte amicizie sono iniziate grazie a uno scambio fortunato. Da quando sono nati, gli album hanno riscosso molto successo, rappresentano una passione e insegnano a essere pazienti mentre raccontano ai bambini di oggi, come a quelli di ieri, le avventure dei loro eroi.

Un album può essere costruito da zero, creando un soggetto con trama, personaggi e storia, può essere centrato su temi specifici, personaggi reali o inventati (come i calciatori, gli youtuber o i protagonisti di un cartone animato) oppure può far riferimento a un brand già esistente come nel caso degli album dedicati alle principesse delle fiabe o ai supereroi. Nel secondo caso, il marchio potrebbe avere una style guide nella quale sono contenute le regole e gli elementi grafici che servono per dare uniformità ai prodotti venduti con quel marchio.

In ogni caso, per iniziare a sviluppare il progetto dell’album bisogna partire da un’idea, spesso più di una, elaborata dal gruppo creativo e discussa con il committente e, se quest’ultimo è licenziatario di un marchio, approvata dal proprietario del brand. Contemporaneamente, vanno prese le prime informazioni tecniche su formato dell’album, numero di pagine, tipo e numero di figurine.

Il passo successivo nello sviluppo di un album di figurine consiste nella creazione di un timone per argomento, che abbia una coerenza interna e con la trama principale, e del timone visivo, nel quale si suddividono i temi scelti sulle pagine dell’album.
Alla creazione di un album di figurine collaborano diverse persone, ognuno apporta alla squadra di lavoro le proprie competenze. L’attenzione nei contenuti testuali e nella forma va infatti particolarmente curata considerando il fatto che l’album di figurine è rivolto a dei bambini. Per questo motivo esperti, pedagogisti e grafici specializzati in prodotti per l’infanzia dovranno creare pensando a loro e, a seconda dell’età, anche ai genitori che li aiuteranno nella raccolta delle figurine.

Ernie Pike: umani in guerra e storielle

Ci sono, a volte, libri capaci di dare pugni nello stomaco, proprio all’imboccatura, di quelli che dopo il dolore e la nausea te li senti ancora come un malessere che si irradia nel resto del corpo. read more…

In cucina con Kafka e i clown di Bergson

Ho finito di leggere “In cucina con Kafka” di Tom Gauld ormai da quasi una settimana e ancora ci penso. In realtà, a parte una tavola sulla quale è stata attirata con prepotenza la mia attenzione, quello che mi rimane travalica il libro stesso, e anche quello che c’è scritto dentro. read more…

Dai una mano all’arte!

 

Anche quest’anno, dal 10 al 15 luglio a San Vito Lo Capo, un posto siciliano bellissimo famoso per le cose importanti della vita: il sole, il mare blu blu, l’ottimo cibo (tra gelato, cous cous e cibo di strada siciliano), l’isolamento, le spiagge bianche -ma anche gli scogli e le vicine tonnare- e tanto altro, si terrà il X festival di SiciliAmbiente diretto dal regista Antonio Bellia, premiato con il Nastro d’argento per il miglior documentario, la sua Corsa de L’Ora. read more…